Autunno

Una sull’altra, a chiazze, sul selciato,
dormono soffici, d’oro le foglie,
forse in un sogno brumoso le coglie
il dubbio d’avere un po’ troppo frusciato.

Ma è tardi. Ora il ramo, educato
all’indifferenza del vento che toglie,
tremulo avverte, gelide e spoglie
le sue estremità, lassù, desolato.

Bianca, la luce dell’alba autunnale
tinge di fragile il debole e il forte,
adorna il freddo di un manto spettrale.

E trovarsi così, contemplando la sorte
nella maestà del ciclo naturale,
non distinguendo dal bello la morte.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: