‘A Nunziatella

Sulle orme del Principe Comneno…

Ogn’anno, di Novembre, c’è l’usanza,
Per gli ex-Allievi andare al Giuramento,
Ognuno l’adda fa’ chesta crianza,
Ognuno adda sfila’ allo schieramento.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
Di quest’amata e grata ricorrenza
Anch’io ci vado, e co’l due pizzi adorno
La capa mia, e tuorna Adolescenza.

St’anno m’è capitata ‘navventura
Prima di aver compiuto il lieto omaggio
Madonna, si ce penzo, e che paura!
Ma po’ facette un’anema e curaggio.

O fatto è chisto, statemi a sentire:
Ci stava a Scuola, su a Monte di Dio,
Di volti familiari un gran venire,
Tra i quali quello di un Anziano mio;

Mi fa vede’ una foto, ora in borghese,
Quand’era in uniforme da cadetto;
Ed il suo viso, splendido e cortese,
Pareva di guaglione, non vecchietto!

Il pollo sopra il petto, il kepì in testa,
Un baffo sopra il polso, scarpa nera,
Mantella addosso, lo spadino in resta;
Guardava in basso, l’espressione altera,

E dove terminava quello sguardo,
Ce stava ‘n ‘ata faccia piccerella…:
Pareva ‘na gazzella col leopardo,
Terrorizzata, al collo una crucella

E ncoppa ‘a fronte, immerso di sudore
(lo stato d’obbligo del Cappellone)
Verdastro, quel due pizzi, con ardore
Calcato, a completar l’umiliazione

Del povariello: una spiacevole figura
dall’aria familiare ma indecente;
Guardandola pareva una sciagura,
Povero kaps, che immagine struggente!

Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…
C’è chi comanda e chi non conta niente!
Stu povero maronna s’aspettava
Che ‘rint’ a quel portone era un fetente?!?

Mentre fantasticavo stu penziero,
La folla circostante si dilegua
E i’rimanette solo, priggiuniero,
Del tempo che pareva stare in tregua.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a vicino?
Que’ ddoje …vivi! ‘Nnanz’ a fureria…
Penzaje: che succede mo’ al piccino…
Stongo scetato…dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; è l’Istruttore,
C’o’ baffo, c’a mantella, guanti in mano,
E apriesso a isso, bianco di colore,
Il Cappellone, sguardo al cielo invano.

Chill è l’Anziano mio, ‘nu montanaro,
‘O giovane …song’ ÌJE 😳, ‘na spazzatura!!!
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
Perché mi trovo lì, muort’e paura?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
Quanno l’Anziano se fermaje ‘e botto,
S’avota e tomo tomo… calmo calmo,
Dicette al sosia mio, al giovanotto:

“A terra! Faccia trentatré flessioni
E poi di corsa, le ginocchia al petto!
Qui non c’è posto per i copertoni
A tutti tocca fare cubo-letto!

Il divinissimo va rispettato
E Lei ha perso il senso e la misura:
Al mio passaggio non ha salutato
Ed ora merita questa tortura!

E quando ha terminato, sull’Attenti
Batta la pianta, alzi la testa, tenda!
Si guardi sullo specchio e si spaventi
E si dilegui prima che riprenda!!!”

“Comandi! Non volevo fare tuorto
Alla persona sua, stavo voltato;
Io del suo arrivo manco m’ero accorto,
Per questo mi ha trovato impreparato!

L’aviss’ come mo’, ‘nda ‘stu mumento,
Notato, prontamente, senza indugio,
Sarei scattato ed il regolamento
Avrei seguito al pari d’un segugio”.

“Che cosa fa, risponde?!? E che si aspetta…
Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Non fossi un Istruttore, un gradüato,
Avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé…-piglia sta violenza…
‘A verità, Istruttò, mme so’ scucciato
‘E te sentì, e si perdo ‘a pacienza,
Mme scordo ca so’ kaps e so mazzate!

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capì, ca simmo eguale? …
Cadetto tu e cadetto so’ pur io:
Ognuno come all‘ato, tale e quale”.

“Lurido Cappellone, come osi
Paragonarti a me che da tre anni
Senza rallentamenti né riposi
Ho sorpassato una marea di affanni

Per esserti d’esempio con le azioni
T’’o vuo’ mettere ‘ncapo, ‘int ‘a cervella
Che son le secolari Tradizioni
Le fondamenta della Nunziatella?!

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
Trasenno stu portone ha fatt’o punto
C’ha perzo di se stesso pure ‘o nomme …
… MA PER IL NOI, n’hè fatto chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti’… nun fa’ ‘o restivo
Buttati a terra e fa’ n’at’ centone
Perché finché sto qua, finché son vivo
Farò di te un Allievo, Cappellone!”

%d bloggers like this: